Passa ai contenuti principali

Il trucco del "piatto piccolo" non funziona con le adolescenti

Utilizzare stoviglie piccole per ridurre le porzioni di cibo non ha efficacia sulle adolescenti in sovrappeso, che sono meno sensibili alle dimensioni visive dei piatti

Consumare i pasti in piatti piccoli non aiuta a dimagrire. Ad affermarlo sono i ricercatori dell'UConn Health Alcohol Research Center di Storrs (Usa), coordinati dal professor Lance Bauer, che hanno smentito la convinzione che utilizzare stoviglie di piccole dimensioni possa aiutare ad “auto-ingannarsi”e ad assumere porzioni di cibo ridotte.
Lo studio, presentato durante il congresso annuale dell'American Psychosomatic Society che si è tenuto tra il 18 e il 21 marzo a Savannah (Usa), è stato condotto sulle percezioni sensoriali di 162 ragazze di età compresa tra i 14 a i 18 anni, classificate sulla base del loro indice di massa corporea.
"È stato ipotizzato che le persone in sovrappeso o obese abbiano maggiori probabilità, rispetto agli altri, di sottostimare le dimensioni delle porzioni di cibo, finendo, di conseguenza, col mangiare troppo, soprattutto quando gli alimenti sono presentati in piatti di grandi dimensioni o in contenitori capienti - spiega Bauer -. Per questo motivo, spesso si raccomanda loro di utilizzare piatti più piccoli per combattere quest'illusione". La ricerca, invece, ha dimostrato che le adolescenti in sovrappeso o obese erano meno attente di quelle normo-peso ai differenti tipi di segnali visivi.
"Questa scoperta suggerisce che modificare la dimensione delle loro stoviglie potrebbe essere meno efficace di quanto pensassimo – osserva Bauer -. Dimostra, inoltre, che presentare le norme dietetiche o il contenuto calorico degli alimenti sotto forma di grafici dettagliati potrebbe risultare meno utile di quanto vorremmo". Secondo gli esperti, più che insegnare agli adolescenti i trucchi per “auto-ingannarsi”, sarebbe opportuno puntare sull'educazione alimentare e fornire loro istruzioni dietetiche chiare, semplici e interessanti.
  Fonte: salute 24  

Post popolari in questo blog

Come sarebbe Barbie se fosse una donna normale

L'artista Nickolay Lamm ha voluto mostrare quanto l’immagine di Barbie sia lontana dalla figura reale di una normale ragazza di 19 anni e lo ha fatto creando una bambola con un corpo più vero.

Sei capace di risolvere queste tre domande che il 50% degli studenti di Harvard non ha saputo risolvere?

Queste domande pongono alla prova la tua capacità di riflessione cognitiva. Fanno parte di un test elaborato dal Prof. Shane Frederick con il quale si sono messi alla prova ben 3.428 studenti dell'Università di Harvard. sapresti rispondere correttamente?

(1) Una mazza da baseball e una palla costano 1,10 euro in totale. La mazza costa 1,00 euro più della palla. quanto costa la palla? _____centesimi
(2) Se 5 macchine costruiscono 5 gadget in 5 minuti, quanto tempo impiegheranno 100 macchine per costruire 100 gadget?  _____ minuti
(3) In un lago ci sono delle ninfee che ogni giorno duplicano la loro superficie. se impiegano 48 giorni per ricoprire l'intero lago, quanto impiegheranno per coprirne la metà? _____ giorni

Oltre la paura