Passa ai contenuti principali

Mappa genetica dell'obesità: regioni genetiche correlate al cervello

"I ricercatori del consorzio per gli studi genetici Giant hanno appena pubblicato su Nature la più completa mappa genetica dell’obesità finora mai costruita, scoprendo 90 nuove porzioni di Dna che hanno a che fare con la malattia."
Sembra che di queste regioni genetiche che determinano l'obesità, molte siano correlate ad attività del cervello, come il controllo dell’appetito e la propensione nei confronti dei diversi cibi. 


Pertanto la predisposizione genetica esiste anche per quanto riguarda l'aspetto neurologico del sistema nervoso. Come ad esempio la propensione a diventare dipendenti dai cibi spazzatura, che favoriscono l'aumento di peso, meccanismo che le industrie alimentari conoscono bene.

Alla luce di ciò l'attenzione per gli aspetti psicologici nella perdita di peso è di fondamentale importanza. In particolare, in affincamento alle cure mediche, è possibile agire su tutti quei meccanismi psico-sociali che contribuiscono a dare inizio all'assuzione di cibo

I paradigmi psicologici associati a tale argomento sono gli studi sul condizionamento: stimoli regolarmente associati all'assunzione di cibo ne possono sollecitare il consumo.
Inoltre, se qualcun altro prepara e serve i nostri cibi (come ad esempio al ristorante) tendiamo ad ignorare i segnali interni di sazietà, riuscendo a consumare tutto ciò che ci mettono nel piatto.

Inoltre gli studi sui fattori sociali legati all’alimentazione hanno confermato che la presenza di altre persone è una variabile fondamentale: più è numerosa la compagnia più si tende a mangiare.
 
Gli influssi sociali spesso possono sopraffare gli effetti metabolici.
 
"Ancora. Gli studiosi del consorzio hanno scoperto che, grazie alla mappa del grasso, si potrà prevedere la sua distribuzione nel corpo, se cioè una persona avrà una forma corporea a pera (adipe sulle cosce) o a mela (adipe nell’addome), quella più pericolosa perché legata al rischio di diabete e di malattie cardiovascolari.
Con quali vantaggi? Tutte queste informazioni genetiche sono solo la fine del principio. Aprono, cioè, la strada a una terapia personalizzata anche per l’obesità, tutta da studiare (a oggi non esistono cure valide): il fatto che la malattia riconosca componenti genetiche così numerose e diverse da persona a persona significa che la prevenzione e la cura dovrà essere centrata sulle caratteristiche specifiche di ogni individuo."
Fonte: www.pressreader.com

Post popolari in questo blog

Sei capace di risolvere queste tre domande che il 50% degli studenti di Harvard non ha saputo risolvere?

Queste domande pongono alla prova la tua capacità di riflessione cognitiva. Fanno parte di un test elaborato dal Prof. Shane Frederick con il quale si sono messi alla prova ben 3.428 studenti dell'Università di Harvard. sapresti rispondere correttamente?

(1) Una mazza da baseball e una palla costano 1,10 euro in totale. La mazza costa 1,00 euro più della palla. quanto costa la palla? _____centesimi
(2) Se 5 macchine costruiscono 5 gadget in 5 minuti, quanto tempo impiegheranno 100 macchine per costruire 100 gadget?  _____ minuti
(3) In un lago ci sono delle ninfee che ogni giorno duplicano la loro superficie. se impiegano 48 giorni per ricoprire l'intero lago, quanto impiegheranno per coprirne la metà? _____ giorni

Oltre la paura

Come sarebbe Barbie se fosse una donna normale

L'artista Nickolay Lamm ha voluto mostrare quanto l’immagine di Barbie sia lontana dalla figura reale di una normale ragazza di 19 anni e lo ha fatto creando una bambola con un corpo più vero.