Passa ai contenuti principali

Paura di deglutire ... i bocconi amari della vita


Gent.ma/o dott.ssa/re,
sono una ragazza di 24 anni, studentessa di giurisprudenza, facoltà da me odiata con tutto il cuore. Brevemente le spiego il problema che mi affligge da poco più di un mese. Sono fidanzata da circa 5 mesi con un ragazzo straordinario, amabilissimo, che mi ha regalato i mesi più belli della mia vita. Per il ponte del 1 Novembre siamo partiti per un viaggio rimandato già due volte e che non vedevamo l'ora di fare. Arrivati in aeroporto ho iniziato ad avere problemi di ansia con la deglutizione del cibo,
problema da me avuto già in precedenza per circa un anno poi scomparso attribuito a cause della mia relazione precedente. Durante il viaggio ho cercato di reprimerlo ma più lo reprimevo più stavo peggio e mi sentivo molto male con me stessa. Di ritorno dal viaggio ho iniziato ad avere attacchi di panico, ansia a mille e pianti improvvisi, il tutto peggiorava se pensavo al mio fidanzato ed al fatto che potessi non essere più innamorata di lui e che il problema del viaggio potesse essergli attribuibile. In certi momenti mi sento così triste che non ho voglia di fare niente e mi sento solo peggio, come se non potessi più risalire verso la felicità di prima.
Di cosa può trattarsi?
La ringrazio.
Distinti Saluti
A.P.


Gentile A.P.
Prima di tutto voglio ringraziarla per aver condiviso la sua esperienza.
Da quello che racconta mi sembra di capire che nella sua vita ha fatto alcune scelte di cui non era sicura fino in fondo: la facoltà universitaria (che dice di odiare con tutto il cuore) e alcune relazioni, in particolare nella relazione precedente sembra si sia presentato il problema da lei descritto, e mi sembra di capire che la causa da lei attribuita a questo problema era proprio legata alla relazione che stava vivendo. Nella relazione attuale mi sembra di intuire che la paura di fondo sia quella di non essere più innamorata del suo compagno. Inoltre mi racconta anche che avrebbe tanto voluto fare quel viaggio, ma per una serie cause siete stati costretti a rimandarlo due volte. Da questi dati mi sembra che in realtà lei ha ben chiaro quale sia la strada che può farla risalire verso la felicità, ma per una serie di motivi che andrebbero esplorati meglio in un colloquio psicologico, tende a reprimere la sua parte più istintuale, quella che conosce i sui desideri più profondi. Diciamo che la sua soluzione a fronte di un malessere è quella di reprimere il sintomo, ma come già ha constatato, più si reprime più sta male. In realtà molto spesso i sintomi sono dei segnali del nostro corpo, quando non riusciamo ad ascoltare e a dar voce alla nostra parte istintuale è il nostro corpo a parlarci in maniera simbolica. I sintomi di cui ci parla infatti riguardano:
·      la difficoltà a deglutire, che simbolicamente si può associare alla difficoltà a mandare giù un qualcosa in senso lato, qualcosa che pensiamo non sia buona per noi, ma che in realtà potrebbe essere proprio la fonte del nostro nutrimento più profondo (come ad esempio il cibo, o meglio, come nel suo caso, potrebbe simboleggiare la difficoltà a mandare giù il fatto che per la sua vita vorrebbe qualcosa di diverso, qualcosa che non si permette di accettare e per questo lo reprime)
·      l’ansia e gli attacchi di panico, quindi un sintomo legato alla paura. Ma paura di cosa? Di fare delle scelte non condivise? Di rimettersi in gioco e reinventare la sua vita? Di solito gli attacchi di panico si verificano in situazioni di separazione o inadeguatezza, potrebbe essere il suo caso? Nel senso che potrebbe aver capito che ci sono cose nella sua relazione che non sono poi così straordinarie e amabilissime, ma questo non significa necessariamente che la sua relazione è giunta al termine. Ogni relazione porta al suo interno aspetti positivi e negativi, ed è proprio la volontà di affrontare questi aspetti e di crescere insieme che rende più solida l’unione. Se le problematiche di una relazione non vengono accettate e discusse e si reprimono, non si risolvono, anzi si ingrandiscono e generano paura, proprio perché ci sembrano più grandi di quello che sono in realtà.
Spero di esserle stata utile.

Dott.ssa Alessandra Cescut

Post popolari in questo blog

Sei capace di risolvere queste tre domande che il 50% degli studenti di Harvard non ha saputo risolvere?

Queste domande pongono alla prova la tua capacità di riflessione cognitiva. Fanno parte di un test elaborato dal Prof. Shane Frederick con il quale si sono messi alla prova ben 3.428 studenti dell'Università di Harvard. sapresti rispondere correttamente?

(1) Una mazza da baseball e una palla costano 1,10 euro in totale. La mazza costa 1,00 euro più della palla. quanto costa la palla? _____centesimi
(2) Se 5 macchine costruiscono 5 gadget in 5 minuti, quanto tempo impiegheranno 100 macchine per costruire 100 gadget?  _____ minuti
(3) In un lago ci sono delle ninfee che ogni giorno duplicano la loro superficie. se impiegano 48 giorni per ricoprire l'intero lago, quanto impiegheranno per coprirne la metà? _____ giorni

Oltre la paura

Come sarebbe Barbie se fosse una donna normale

L'artista Nickolay Lamm ha voluto mostrare quanto l’immagine di Barbie sia lontana dalla figura reale di una normale ragazza di 19 anni e lo ha fatto creando una bambola con un corpo più vero.