Passa ai contenuti principali

Di che colore è questo vestito? la spiegazione psicologica

Il fenomeno che sta facendo impazzire tutti sul web è finalmente stato svelato In sostanza “ognuno costruisce la propria realtà”.
Il vestito è nero e blu, ma alcuni lo vedono bianco e oro, come è possibile tutto questo?
È possibile poiché tutto dipende da come il nostro apparato visivo interpreta le informazioni provenienti dalla retina. L’abbinamento dei due colori, unito alle caratteristiche del tessuto, fanno sì che la luce raccolta dalla retina generi informazioni ambigue per il cervello, che quando cerca di visualizzare un quadro d’insieme, ne esce confuso.
Il fenomeno ha a che fare con quella che viene definita costanza percettiva del colore, un fenomeno che deriva dal modo in cui il nostro cervello elabora i dati sensoriali provenienti dagli occhi, e che serve a fare in modo che il mondo non ci sembri cambiare costantemente colore al variare delle condizioni di illuminazione.
Così come quando vogliamo identificare un punto nello spazio tridimensionale, abbiamo bisogno di tre valori: X, Y e Z, che rappresentano le coordinate nello spazio. Allo stesso modo, per identificare un colore il nostro cervello usa le coordinate R, V e B (i colori primari rosso, verde e blu).
Poiché i nostri sensori della retina e i nostri cervelli sono leggermente diversi, la percezione del colore può variare. Il vestito è un esempio particolarmente raro di questo fenomeno perché i suoi colori non sono vicini al rosso puro, né al verde puro né al blu puro, ma sono un complesso mix dei tre.
 

Una spiegazione secondo la Psicologia Strategica Integrata

Secondo Nardone e Watzlawick (1997) per terapia strategica si intende: “un intervento terapeutico usualmente breve, orientato all’estinzione dei sintomi e alla risoluzione del problema presentato dal paziente”.
La sua assunzione di base è che la realtà che percepiamo e con la quale ci rapportiamo, problemi e patologie compresi, sia il frutto dell’interazione tra il punto di osservazione assunto, gli strumenti utilizzati, e il linguaggio che usiamo per comunicare con tale realtà; non esiste pertanto una realtà “vera” in sé, ma tante realtà quante sono le diverse interazioni tra soggetto e realtà. Da questa assunzione deriva che qualunque condizione ci troviamo a vivere, sana o insana, è il prodotto di un’attiva relazione tra noi stessi e ciò che viviamo. In altre parole, ognuno costruisce la realtà che poi subisce (Nardone, Watzlawick, 1997).
L’aggettivo “strategica” designa la psicoterapia improntata sulla pianificazione tattica del cambiamento e sull’utilizzo accorto di strumenti per la soluzione dei problemi umani. L’impiego di specifiche tecniche in questo tipo di terapie si richiama al significato letterale del termine “strategia”, ovvero: “piano d’azione minuziosamente preordinato per raggiungere uno scopo”. In termini generali l’obiettivo della psicoterapia consiste nella remissione del comportamento sintomatico e nella risoluzione del disagio del paziente, anche se per ciascun caso si individuano scopi specifici, coinvolgendo la persona nella costruzione del risultato che desidera conseguire (Secci, 2005).

Post popolari in questo blog

Sei capace di risolvere queste tre domande che il 50% degli studenti di Harvard non ha saputo risolvere?

Queste domande pongono alla prova la tua capacità di riflessione cognitiva. Fanno parte di un test elaborato dal Prof. Shane Frederick con il quale si sono messi alla prova ben 3.428 studenti dell'Università di Harvard. sapresti rispondere correttamente?

(1) Una mazza da baseball e una palla costano 1,10 euro in totale. La mazza costa 1,00 euro più della palla. quanto costa la palla? _____centesimi
(2) Se 5 macchine costruiscono 5 gadget in 5 minuti, quanto tempo impiegheranno 100 macchine per costruire 100 gadget?  _____ minuti
(3) In un lago ci sono delle ninfee che ogni giorno duplicano la loro superficie. se impiegano 48 giorni per ricoprire l'intero lago, quanto impiegheranno per coprirne la metà? _____ giorni

Oltre la paura

Come sarebbe Barbie se fosse una donna normale

L'artista Nickolay Lamm ha voluto mostrare quanto l’immagine di Barbie sia lontana dalla figura reale di una normale ragazza di 19 anni e lo ha fatto creando una bambola con un corpo più vero.